1 anno di GDPR in Francia: una consapevolezza senza precedenti

Il GDPR, che è entrato in vigore un anno fa, ha creato una notevole dinamica per individui e professionisti. La CNIL ha ricevuto un numero record di reclami e sta sviluppando nuovi strumenti di conformità per garantire la protezione dei dati personali per tutti.

L’entrata in vigore del GDPR ha segnato una forte consapevolezza delle questioni relative alla protezione dei dati in Francia e in Europa. Per gli individui da maggio 2018 a maggio 2019, ciò ha comportato:

  • un aumento significativo delle denunce alla CNIL: oltre 11.900 denunce in Francia  (+ 30%) e 144.376 reclami a livello europeo;
  • una cooperazione europea e impegnato operativa tra europei CNIL procedure 1013 per diverse migliaia di persone , tra cui oltre 800 in cui è coinvolta la CNIL.

 Oggi il 70% dei francesi afferma di essere più sensibile ai problemi di protezione dei dati.

Indagine IFOP condotta nell’aprile 2019 su un campione di 1.000 persone, rappresentative della popolazione francese di 18 anni e più, secondo il metodo delle quote.

Questa consapevolezza è evidente anche tra i professionisti, che stanno gradualmente assumendo i nuovi dispositivi del RGPD:

  • 2.044 notifiche di violazione dei dati in Francia e 89.271 a livello europeo;
  • più di 19.000 addetti alla protezione dei dati (persone fisiche o giuridiche) sono stati nominati da più di 53.000 organizzazioni;
  • un afflusso di richieste di informazioni da parte di professionisti che desiderano appropriarsi di questo nuovo quadro che hanno identificato il CNIL come fonte di informazioni di riferimento.

Testimone di questa crescente mobilitazione di professionisti e individui sulla protezione dei dati, il sito CNIL ha accumulato più di 8,1 milioni di visite in un anno.

RGPD, anno II: successore del RGPD, chiave di volta di un trust digitale

L’anno 2019 sarà decisivo per dare credibilità al nuovo quadro giuridico e trasformare questa ambiziosa scommessa europea in un successo operativo. Le aspettative della società civile e degli attori economici sono molto forti e questo modello desta interessi in tutto il mondo.

L’anno 2019 segna il completamento della transizione al GDPR. È essenziale che le organizzazioni ora implementino completamente il nuovo testo. Nell’inchiesta relativa ai reclami e ai relativi controlli, la CNIL verificherà quindi pienamente la conformità ai nuovi requisiti. Trarrà tutte le conseguenze, anche in termini di sanzioni, se necessario. Ma come nel passato, sarà discernente nella sua azione repressiva, tenendo conto, in particolare, della buona fede delle organizzazioni.

Per supportare gli operatori nella loro conformità dinamica e implementare con successo il GDPR, il CNIL amplierà le sue azioni di supporto per i professionisti:

  • sensibilizzazione per le autorità locali e regionali, attraverso un piano di sostegno che si materializza attraverso la diffusione di una guida pratica di sensibilizzazione per le comunità più piccole, schede tematiche ( teleservizi , sicurezza , RPD e comunità , ecc.) e un modulo dedicato nella sua formazione online aperta a tutti;
  • supporto per le start-up attraverso contenuti dedicati sul sito CNIL: contenuti per rendere il GDPR una risorsa e un kit di sviluppo sono già stati pubblicati;
  • lo sviluppo di nuovi quadri di riferimento sotto forma di archivi (gestione delle risorse umane, gestione delle relazioni con i clienti, gestione della delinquenza, segnalazioni professionali), regolamenti standard o elenchi di trattamento che non sono soggetti ad un’analisi dell’impatto obbligatorio;
  • uno stretto dialogo con i professionisti, con la consapevolezza dei “capi delle reti” per promuovere l’aumento delle competenze di tutti i settori e il supporto mantenuto ai delegati per la protezione dei dati.

Strumenti pratici per privati ​​e professionisti

Negli ultimi mesi, la CNIL ha sviluppato numerosi strumenti pratici per il supporto alla conformità che rimangono disponibili per tutti sul suo sito web e che continuerà ad arricchire e completare:

  • per coloro che desiderano esercitare i loro diritti o porre una domanda a un’organizzazione che gestisce i loro dati: il CNIL consente loro di verificare se questo organismo ha nominato un responsabile della protezione dei dati (DPO) e mette a loro disposizione i loro dettagli di contatto pubblico tramite un motore di ricerca dedicato;
  • un corso di formazione online aperto a tutti (MOOC) sulla RGPD dal marzo 2019, già seguito da oltre 35 100 persone di cui 6 900 che hanno ottenuto un certificato di successo;
  • un modello di registro delle attività di elaborazione , che consente di registrare tutti i trattamenti dei dati e di avere una panoramica delle azioni relative ai dati personali;
  • software libero per condurre un’analisi dell’impatto sulla protezione dei dati (DPIA), che è obbligatoria per alcuni trattamenti.

    Fonte: CNIL

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Il nostro sito non usa cookie di profilazione. Puoi continuare a navigare in questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccare su "Accetta" permettendo il loro utilizzo. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi